Antec Kuhler 1250

Abbiamo scelto di testare il Kuler 1250 su una piattaforma di fascia alta, basata su socket 2011, prevalentemente destinata a videogiocatori o overclocker. Ne riportiamo il dettaglio della confiurazione hardware di seuito.

Cooler

Antec Kuhler 1250

Thermal Paste

Noctua NT-H1

Mainboard

Asus Rampage Extreme IV

Processore

Intel i7 4820k

Ram

4 x 4Gb Kyngston 2133MHz

Scheda Video

Gainward GTX 770 4Gb

Hard Disk

4 x Kyngston KC100 240Gb Raid 0

Alimentatore

Antec HCP 1000W Platinum

Case

Antec 1900

Lo stress test del processore è stato realizzato tramite il celebre programma OCCT, in grado di caricare il processore di una mole di lavoro tale da portarlo ad altissime temperature. Tale utility integra al suo interno un intelligente sistema di controllo delle temperature, che è stato usato per monitorare l’andamento delle temperature dei vari core del processore. In particolare abbiamo impostato un intervallo di preparazione al test pari a 5 minuti, per poi eseguire ben 20 minuti di stress-test per poi concludere con 3 minuti di rilassamento in cui la cpu viene comunque monitorata. Abbiamo quindi tenuto traccia dei picchi di temperatura in basso ed in alto.

Il test è stato eseguito diverse volte, ognuna delle quali si è variata la frequenza di funzionamento del processore, fino ad arrivare a 4.60 GHz.

I termini di confronto del Kuhler 1250 è stato il celebre dissipatore ad aria Noctua NH-D15, recentemente recensito, eletto come il più performante dissipatore ad aria ora presente sul mercato per 90 euro di spesa. Non è assolutamente nostra intenzione proporre un confronto ad armi impari (non sarebbe corretto confrontare un dissipatore ad aria con uno a liquido), bensì fornire un’idea del miglioramento prestazionale che si ottiene dal passaggio da un sistema ad aria di fascia alta ad un sistema a liquido all-in-one di fascia alta.