LSI acquista SandForce

LSI ascquista Sandforce, l'azienda leader nella produzione di controller per SSD.

Suona proprio come una vera e propria breaking news questa. Per circa 322 milioni di dollari americani in contanti, LSI ha deciso di acquistare SandForce, l'azienda che produce i processori montati sui dischi a stato solido di ultimissima generazione.

  

Sebbene LSI sia molto presente nel mercato dello storaging e del networking, già da qualche mese abbiamo visto il lancio di un primissimo prodotto basato su tecnologia SSD, il WarpDrive. Fin da allora LSI aveva ben chiaro che il panorama informatico dello storaging sarebbe molto cambiato proprio a causa di queste nuove tecnologie, che via via avrebbero sostituito i dischi meccanici per gli incredibili vantaggi di stabilità, consumi e prestazioni offerte dai moderni SSD.

Tanto per avere un'idea di quello che SandForce rappresenta al momento, si tenga presente che tale controller è adottato dagli ultimi dischi di Corsair come il Force 3 ed il Force 3 GT e dai dischi Kingston HyperX, per non parlare di tutti i dischi OCZ (una lista completa la trovate a questo indirizzo http://www.sandforce.com/index.php?id=182).

 

Non rimane che aspettarci l'entrata prepotente anche di LSI nel segmento Enterprise delle soluzioni Server/Workstation basate su tecnologia SSD dedicate ai professionisti, allargando il listino dei prodotti dedicati a questo segmento di mercato (per ora composto dal solo WarpDrive, forse troppo di fascia alta e costoso per aziende di media entità). Quello che è certo però è che se LSI dovesse realmente optare per una strategia di mercato orientata al mondo degli SSD, anche i colossi come OCZ (la quale produce una sorta di SSD su scheda PCI-Express in raid0) avranno serio filo da torcere in quanto a performance per rendere i propri prodotti alla pari di quelli di LSI, che si trova un passo in avanti per quanto riguarda le soluzioni basate su RAID (vedasi recensione del 9265-8i).

 

Rimaniamo in attesa di sviluppi futuri, vi terremo aggiornati.