Antec 1900: il nuovo gigante di Antec.

La serie Hundred di Antec presenta un design estetico piuttosto comune per tutti i suoi prodotti. A parte il Lan Boy, che diventa l’eccezione alla regola, gli altri case si allineano sui seguenti concetti:

$1-          Verniciatura nero opaco;

$1-          Finestra laterale in plexyglass;

$1-          Pannello frontale semplice;

$1-          Pannello laterale sinistro semplicissimo;

$1-          Dimensioni del case più stretto e più lungo/alto rispetto al classico mid-tower;

$1-          Ventola posteriore da 12 cm (spesso controllabile);

$1-          Persa d’aria superiore (opzionalmente con una o due ventole);

In questo caso, il 1900 non si discosta molto dai precedenti punti, esasperando quello inerente le dimensioni.

 

Dalle immagini ritraenti i pannelli laterali ci accorgiamo che in questo caso ci sia qualcosa di diverso. Infatti, le due lastre di alluminio non coprono interamente le facciate del case, bensì esiste una zona inferiore protetta da due lastre più piccole scardinate dai pannelli estraibili. E’ possibile estrarre le due lastre inferiori tramite appositi pulsanti meccanici posti sul retro del case, potendo così accedere alla zona più inferiore del cabinet, adibita all’alloggiamento della PSU secondaria. A differenza dei pannelli laterali, queste lastre presentano un materiale fonoassorbente destinato all’isolamento acustico, al fine di limitare, quanto più possibile, i rumori emessi dai dischi e dall’alimentatore installati nella zona inferiore del case.

Sebbene il pannello laterale sinistro del case sia assimilabile ad una semplice lastra di alluminio, quella sinistra presenta la classica finestra in plexyglass, che lascia intravedere la sola zona destinata alla scheda madre. La zona di alloggiamento dei dischi, come vedremo, è totalmente nascosta. Questa politica è stata attuata da Antec più o meno in tutti i case di questa famiglia: l’obiettivo è quello di mostrare qualcosa di ordinato ed elegante all’esterno, evitando – quanto più possibile – di lasciar vedere grovigli di cavi.

 

Una novità interessante introdotta con l’Antec 1900 riguarda il design della parte superiore del cabinet. Dalle immagini notiamo la presenza di un coperchio superiore, caratterizzato da fori destinati alla fuoriuscita dell’aria calda presente all’interno del case. Rimuovendo tale coperchio notiamo la presenza dei una coppia di ventole da 120 mm, protette da due filtri anti-polvere. Tali filtri sono mantenuti agganciati al supporto grazie alla forza di gravità e da opportuni magneti. L’elemento di innovazione però sta nel fatto che l’alloggiamento delle ventole non ruba spazio all’interno del case. E’ stato ricavato un vano apposito fuori dallo scheletro di alluminio del cabinet, al fine di non invadere lo spazio riservato alla mainboard. Inoltre, il vano è perfettamente adatto all’installazione di sistemi di raffreddamento a liquido AIO, dotati di radiatore lungo fino a 240 mm. Nel caso in cui si preveda l’uso di un tale sistema, il radiatore verrebbe completamente assimilato in tale vano (una volta rimosse le due ventole) e sarebbe nascosto alla vista.